12 Luciano Galassi – Acqua ’e maggio

Inserito da: · gennaio 13, 2012

A Santa Catarina ogne surco è ‘na lavina. A Santa Caterina ogni solco è un ruscelletto. A fine novembre, per le abbondanti piogge, i campi si presentano zuppi di acqua ed ogni solco diventa quasi un rìvolo fangoso, tanto che il contadino è costretto a riporre zappa e aratro.

 

12 Luciano Galassi – Acqua ’e maggio – vesuvioweb

 

 

Comme barbaréa accussì nataléa Come barbareggia così nataleggia. Versione ridotta del proverbio precedente, a proposito del quale Raffaele Urraro nota che i due verbi costituiscono la figura retorica che va sotto il nome di àpax legòmenon, locuzione greca usata dai grammatici per significare che una parola, un modo, una forma vengono detti (“legòmenon”), cioè usati, una sola volta (“àpax”): infatti “barbaréa” e “nataléa” compaiono soltanto nei detti che stiamo esaminando e non si rinvengono in nessun’altra espressione napoletana.

 

 

Aggiungi un commento