24 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Questioni d’ortografia

Inserito da: · gennaio 14, 2012

Per il dialetto napoletano il bisogno piú immediato -alla luce delle leggi della linguistica moderna- è quello di revisionare i molteplici suoi mezzi espressivi, fra cui sono primari i settori dell’ortografia lessicale e dell’etimologia. A tal fine diamo avvio col passare al setaccio le giuste scritture da attribuire a due verbi partenopei. 1) L’infinito apocopato ji (= classico “ire” = andare) ha la necessità della semiconsonante “j”…

Giacomo Jaquerio(1375-1453)

24 Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Questioni d’ortografia – vesuvioweb

 

…(+vocale, con cui forma indispensabile dittongo), il che è chiaramente postulato dal caso in cui gruppo è preceduto da elemento duplicante, foriero di procurare l’affricata mediopalatale sonora (simile al suono iniziale di “ghianda, ghiotto”), che però fa perdere la grafia con la semiconsonante: ess. pe gghi (cfr. “i-re”) = per andare, nu’ gghi! = non andare!; juto = “andato”, se n’è gghiuto = “se n’è andato via”…

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

Aggiungi un commento