30 – Carlo Iandolo – Pillole Lingistiche Napoletane – Cafone

Inserito da: · gennaio 14, 2012

Vorremmo essere meno evanescenti dei nostri vocabolari etimologici, che hanno inappaganti richiami emblematici e generici, fra i quali escludiamo decisamente il riferimento allo specifico personaggio e nome “Cafo”, sia amico di Cesare che con dubbia legittimità nel 43 a. C. gli donò una grand’estensione di terra nell’agro capuano, dove esercitò i suoi diritti di padrone, sia seguace poi di Marco Antonio in qualità di centurione.

Ivan Pavlovich Pokhitonov (1851-1924)

30 Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Cafone – vesuvioweb

 

 

Restiamo ancóra nell’indistinto e nel distinto con Cicerone, che etichetta “omnes Cafones, omnes Saxae” (Filippiche VIII, 3, 9) come “latrones = briganti”; piú in là: “E anche gli uomini del contado (homines agrestes), diciamoli uomini ma sarebbe meglio definirli bestie!, sono allettati dalla vana speranza di una qualche villa…”

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

Aggiungi un commento