Michele Langella – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo

Inserito da: · gennaio 29, 2012

TRA RAZZIE E DEPORTAZIONI SIAMO FIGLI DI SOPRAVVISSUTI

Le tracce della pirateria e della guerra di corsa nella storia del Mediterraneo e delle scorrerie perpetrate dagli uni e dagli altri ai danni delle popolazioni di tutto il bacino del Mare Nostrum. Pirati, corsari, bucanieri… siamo cresciuti divorando romanzi di Salgari e trangugiando film di corsari neri, verdi e di altri colori ancora. A Carnevale poi indossare un costume per travestirsi da pirata era talmente normale – e lo è ancora oggi – da essere ritenuto poco originale: un cappello a falde larghe con qualche piuma e con su applicato il disegno di un teschio con due tibie incrociate, una benda nera su un occhio, una sciabola di plastica, stivali con il bordo floscio ed il gioco è fatto!

1 Michele Langella – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo – vesuvioweb

2 Michele Langella – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo – I pirati nel mito e nell’antichità – vesuvioweb

3 Michele Langella – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo – Pirati, Corsari, Bucanieri, Filibustieri – vesuvioweb

4 Michele Langella – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo – Schiavi e prigionieri di Stato. Il mercato degli schiavi – vesuvioweb

5 Michele Langella – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo – I Rinnegati – Prima parte – vesuvioweb

6 Michele Langella – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo – I Rinnegati – Seconda parte – vesuvioweb

7 Michele Langella – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo – I Rinnegati – Terza parte – vesuvioweb

8 Michele Langella – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo – Sulle tracce della pirateria e della guerra di corsa nel Mediterraneo – vesuvioweb

Il fenomeno della pirateria spesso si è fondato sulla complicità dei Governi e delle Autorità locali se non addirittura di qualche sovrano e proprio in questi casi il confine tra pirateria e guerra di corsa è stato quanto mai labile. Le popolazioni vissute sulle coste del Mediterraneo hanno convissuto per secoli con l’incubo pressoché costante della pirateria così come oggi in alcune zone del pianeta la gente attende il prossimo uragano, la prossima inondazione, il prossimo tsunami. L’attuale ubicazione di molti centri abitati costieri e lo stesso paesaggio di moltissime località sono stati condizionati da tale fenomeno e presentano sullo sfondo di torri costiere e fortificazioni.

Aggiungi un commento