8 Luciano Galassi – ’O mellone chino ’e fuoco

Inserito da: · gennaio 13, 2012

Per Giuseppe Marotta la trippa «a Napoli, non è alimento di soli spiantati». «Nei mesi caldi, sul tardi, perfino le strade principali accolgono bottegucce portatili di trippa bollita…». I signori si fermano a queste bottegucce «e ne acquistano una fetta, spruzzata di sale e di limone: una coccarda, un nastrino che dura tre passi, un cotillon dell’appetito, un capriccio. Quante volte gustai così, quasi all’alba, una buccola della trippa, più tumida e fresca, sotto un quarto di luna che aveva lo stesso lontano e arguto sapore!»…

 

8 Luciano Galassi – ’O mellone chino ’e fuoco – vesuvioweb

 

 

Aggiungi un commento