Angelo di Mauro – Somma Vesuviana, Antropologia, tradizioni popolari e storia

Inserito da: · Gennaio 8, 2012

Il territorio di Somma Vesuviana può essere identificato come una “nicchia antropologica”, in quanto in un contesto pressoché urbanizzato si incontrano schegge di comportamenti magici e di antiche tradizioni, che affondano le loro radici in culti pagani. Circa i comportamenti più rilevanti appaiono quelli della Settimana Santa: I Sepolcri del Giovedì Santo in tutte le chiese che seguono i rituali dei Giardini di Adone. Il poggiare i neonati con i piedi per terra il Sabato Santo per farli crescere e prendere vigore, cioè prendere dalla terra in germinazione la vita/anima, rituale di origine romana. Alla fine della vita corrisponde la richiesta del morente ai parenti di essere messo con i piedi nudi per terra per restituire l’anima ricevuta nel giorno della Resurrezione del Cristo/vegetazione. Il bastonare gli alberi, specie i limoni, per farli fruttificare.

 

 

Angelo_di_Mauro_Somma_Vesuviana_Storia_tradizioni-vesuvioweb_2011

La divinazione del futuro negli ultimi dodici giorni di Natale o con i rituali dell’acqua alla vigilia di San Giovanni, il 23 giugno. Un elenco lunghissimo di prescrizioni per agevolare il parto sotto la protezione della rosa secca di Sant’Anna, che schiude di nuovo insieme al neonato che sorge alla vita. Le numerose attenzioni che bisogna fare alla levatrice per evitare che il pupo si ammali. I forti poteri riconosciuti alla mammana che domina le forze vitali della natura ed è intesa come Signora degli animali.

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Aggiungi un commento