Angelo di Mauro – Vicende della famiglia De Cabanise della Masseria di Madama Feleppa di Somma Vesuviana

Inserito da: · Gennaio 8, 2012

Filippa secondo Giovanni Boccaccio era una lavandaia, moglie di un pescatore e viveva a Catania ai primi del 1300. Infatti è detta la Catanese. A questa balia intrigante Boccaccio dedica un intero capitolo del De Casibus virorum illustrium – libro IX, (Summana. n. 10 R. D’Avino pag. 21). Altri studiosi (C. Minieri Riccio) non le negano una certa nobiltà avendo il padre Banafide de Cathania dei feudi a Catania Il Duca di Calabria, Roberto, futuro re angioino, marito di Violante, nel 1301 la chiamò come nutrice di Ludovico che però morì nel 1310. Roberto alla morte di Violante sposò la religiosissima Sancia e Filippa li seguì a Corte come damigella della regina e come maestra ricamatrice.

 

Angelo di Mauro – Vicende della famiglia De Cabanise della Masseria di Madama Feleppa di Somma Vesuviana – vesuvioweb

 

 

Nel 1309 re Roberto d’Angiò la destinò ad allevare le nipoti Maria e Giovanna, figlie di Carlo premorto. (Giovanna è Giovanna I d’Angiò e diverrà regina nel 1343 alla morte dello zio, re Roberto). La nutrice anche se anziana, godeva della fiducia del re. Insieme ai principi fece crescere il figlio Roberto e la nipote Sancia, figlia di Carlo de Cabannis, che ricoprì di favori. La prima notizia dei de Cabanis a Somma si ha negli anni 1291-1294 quando Ramondello de Cabanis possedeva un feudo in paese, (D. Maione – Breve descrizione della regia città di Somma – Napoli 1703, p. 43). Anche F. Migliaccio ne ricorda uno, tra i 41 citati, a nome dei de Cabanis, (F. Migliaccio – Notizie angioine riguardanti Somma, inedito). Il cognome de Cabanis o Cabannis le venne dal secondo matrimonio del 1305 con il moro Raimondo, ex schiavo e massaro del nobile Raimondo de Cabanis. Da questi ereditò nome, titolo e beni perché fu dallo stesso adottato godendone grande fiducia, come racconta Giovanni Boccaccio.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Discussione1 Comment

  1. amedeo catanese ha detto:

    potrebbe essere la madama feleppa a dare origine, nel nostro territorio, al cognome “catanese”? grazie di una eventuale risposta

Aggiungi un commento