Aniello Langella – Il segreto di PULCINELLA. Breve storia della maschera vesuviana

Inserito da: · gennaio 29, 2012

Definire Pulcinella nel suo carattere, nella sue esibizioni di piazza, nel suo parlare e mostrarsi agli altri nei gesti, è cosa ardua. Molti hanno cercato di farlo con successi alterni e proponendo idee più o meno condivise. Tanto meno cercherò io di intraprendere questa strada, defilandomi subito dal compito di raccontare i fatti in termini storiografici. Non è questo il mio intento. Con un personaggio del genere, alla fine si potrebbe anche finire a nozze e questa espressione nel gergo suo vuol dire finire a botte e a legnate sulla zucca. Scelgo quindi la strada meno cruenta del racconto e della curiosa lettura delle idee di coloro che ne sanno più di me. Pulcinella non si definisce, scrive Benedetto Croce…

Aniello Langella – Il segreto di Pulcinella – Breve storia della maschera vesuviana – vesuvioweb

…nel 1899 nel suo “Pulcinella e Il personaggio del napoletano in commedia”. Poi proseguendo nelle osservazioni, aggiunge: Si sono tentate molte definizioni di lui ; ma nessuna è restata, e nessuna sembra soddisfacente. Ma perché non si definisce Pulcinella? Forse per la complicazione o la sottigliezza psicologica del personaggio? Eh via! Sarebbe certo un bel caso, ch’egli facesse anche questo tiro alle persone serie, con lo sfuggire guizzando a tutti i loro sforzi d’intelligenza! Ma i critici d’arte analizzano e definiscono caratteri e situazioni artistiche cosi difficili, che non sembra veramente probabile che vogliano poi confondersi e ceder le armi innanzi a Pulcinella. La ragione dell’ impossibilità  di definirlo è molto semplice; e se non ci si è pensato di solito, e i tentativi si sono fatti e riprodotti con frequenza, gli è  appunto perché spesso, com’é noto, alle cose semplici non si pensa.

Aggiungi un commento