Aniello Langella – Il terremoto durante l’eruzione del 1631

Inserito da: · Gennaio 31, 2012

“Questo Terremoto fu, quando il Monte Vessuvio esalò talmente , e vomicò fuoco, acqua , bitume, pietre, e zolfo con tanto terrore, e spavento, non solo delli luoghi convicini e della Città famosissima di Napoli in particolare, che altro non si giudicò, se non che fosse arrivato il giorno del Giudicio Universale da farsi negli ultimi tempi; ma anco con terrore universale di molte Provincie; vedendosi ricoperte di cenere, senza sapere di tal accidente la Causa ; e fu questa horribile concussione alii 16 di Decémb…

Aniello Langella – Il terremoto durante l’eruzione del 1631 – vesuvioweb

… del 1631 infrascritto, che 2 hore (1) avanti giorno cominciò il rumore nell’aria, ed era tale, che pareva,che due fortezze (2) di rimpetto, sparassero cànonate avicenda, e per il gran rumore giudicavano alcuni, che volesse subissarli il Mondo, non ricordandosi niuno di simili accidenti, tuoni spaventosissimi, botte d’ordinanza a guisa di Tamburi e durò dalle due hore del predetto giorno, per fine alle due hore di notte, e le Città d’Abruzzo, come Chieti , Lanciano, e l’ Aquila, l’ altre , sentivano il rumore senza saperne la causa, Lanciano, fece grandissime processioni, …

Aggiungi un commento