Armando Polito – ’A fresella

Inserito da: · gennaio 15, 2012

Questo lavoro è l’estratto di uno più ampio (La friseddha) dedicato dall’autore, salentino (di Nardò, in provincia di Lecce), all’argomento e fa parte della sezione La friseddha nell’arte. L’umile quotidianità della specialità gastronomica oggetto di questo lavoro rende la frisella, (1) già nell’immaginario collettivo, una protagonista improbabile di un testo poetico, dal momento che la poesia, volendo schematizzare al massimo, si occupa di temi più elevati imperniati, per successiva schematizzazione, sul binomio essenziale amore e morte. Non sorprende, perciò, che essa compaia per lo più come figurante anche nella poesia cosiddetta popolare.

Armando Polito – ’A fresella – vesuvioweb

Le più antiche testimonianze in tal senso che sono riuscito a reperire sono in dialetto napoletano ma anche le successive, raffrontate con quelle (poche, a dire il vero) di altri dialetti, dimostrano, ove ce ne fosse stato bisogno, la magica creatività di questa lingua. La prima risale probabilmente al XVI secolo e ha la paternità di Velardiniello (2): Storia de’ cient’anne arreto, 18…

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Armando Polito, Vesuvius e ars culinaria

Aggiungi un commento