Carlo Iandolo – Curiosità della lingua italiana – Anzianità linguistica

Inserito da: · gennaio 15, 2012

Alcune parole italiane -inopinatamente- racchiudono in sé l’originario concetto d’un’età ormai avanzata: l’etimologia di esse ce ne dà ragione.

 

Carlo Iandolo – Curiosità della lingua italiana – Anzianità linguistica – vesuvioweb 2010

Accanto a sostantivi generici, che intrinsecamente hanno sapore d’anzianità (come i lemmi infantili nonno-nonna, letteralmente = “monaco-a, balio-a”), ecco i piú comuni e ufficiali vecchio (sviluppo popolare del diminutivo latino “vetulu-m”, ove “tl > cchi+vocale”) e veterano (anch’esso da “vetus – veteris”), nonché agli aggettivi della stessa famiglia vetusto e inveterato, ecco anche anziano, che deriva dal latino medievale “antianu-m = appartenente a un’età precedente”, formato tramite l’avverbio “ante = prima”.

Aggiungi un commento