Carlo Iandolo – Dal positivo al negativo (e viceversa)

Inserito da: · gennaio 14, 2012

La lingua ha spesso risvolti imprevedibili, come quando talune parole contraddicono il lontano significato di partenza, barcamenandosi in una diversità di duplice vita morfologica, semantica ed espressiva. Si pensi all’aggettivo latino (Christianu-m >) cristiano che, passato in Francia nella forma “cretin”, è tornato in Italia nel negativo appellativo cretino, certo…

Carlo Iandolo – Dal positivo al negativo (e viceversa) – vesuvioweb

 

…per via dell’umile atteggiamento socio-morale proclive all’amore e al perdono, fino addirittura a porgere l’altra guancia dopo il primo schiaffo; cosí l’affermativo (forse lat. verecundiu-m >) “pudico” – tramite la caduta delle due sillabe iniziali, al normale passaggio “dj > z (+ vocale)”1 e alla lenizione di “c- > g-”- ha generato il nostro gonzo = “sciocco, credulone”, probabilmente per la riservatezza e per la ritrosa umiltà caratteriale. Né basta, perché l’etnico “mongolo”, che in quella lingua implica l’idea di “valoroso”, da noi -nella forma lievemente derivata di mongoloide (= con le sembianze d’un mongolo)- ha assunto il valore di “chi mostra un processo d’appannamento mentale”, in campo scientifico equivalente alla “sindrome di Down” perché i tratti somatici (specie per l’insolito taglio obliquo degli occhi) richiamano quelli delle popolazioni mongoliche…

Aggiungi un commento