Carlo Iandolo – Le “papere” linguistiche di Mussolini

Inserito da: · gennaio 15, 2012

Così commenta l’articolo Armando Polito

Meraviglioso post in cui si dimostra in poche righe come il potere (qui uno in particolare, ma il giudizio per me vale per tutti e di ogni tempo…), anche a considerarlo dalle sue forme di espressione meramente linguistiche, si accompagna sempre all’idiozia. A parte quell’”ammirare”, caro professore, in cui il valore semantico passivo dell’originario latino admirari risulta stravolto arbitrariamente in attivo tanto da diventare sinonimo barocco di “meravigliare”, mi ha particolarmente colpito, in qualità di ex docente, per quanto scadente, di scuola superiore, il quadro ideale delineato che sembra confarsi più ad un attore (stavo per dire buffone…) che ad un insegnante. Immagino in lei, accademico (che di questo titolo impersona tutti i pregi, senza i difetti che oggi per lo più lo accompagnano), quanto disgusto l’intero periodo abbia suscitato…

Carlo Iandolo – Le papere linguistiche di Mussolini – vesuvioweb

Aggiungi un commento