Carlo Iandolo – Una beffa del professore

Inserito da: · gennaio 15, 2012

Il vecchio professore, definito “il tiranno, il pignolo, l’insopportabile brontolone” per le sevizie grammaticali a cui sottopose generazioni di allievi nella sua lunga carriera, non è più (anzi non è…piú!): capite la differenza? Egli, da incorreggibile pedante, raccomandava l’uso dell’accento acuto sulla vocale U (“il suo suono è sempre chiuso, chiuso!”) in caso di necessit…à (“la vocale A ha soltanto il timbro aperto, per cui vi porrete l’accento grave quando occorre”).

Le immagini nel testo sono di Ercole de’ Roberti (1450-1496)

Carlo Iandolo – Una beffa al professore – vesuvioweb 2011

Non parliamo poi di apostrofi (“vanno segnati a fianco, non sopra!”), di monosillabi speciali (“sono molti e pericolosi”), di segnali di punteggiatura, di verbi irregolari…, con una lista d’esempi che non finivano mai: un tormentone! Rispettoso cultore dell’etimologia, cio…è del preciso significato originario delle parole , era sempre pronto a intervenire e precisare, incavolandosi di fronte ad abusi, a deviazioni illogiche e incoerenti. La mattina era solito far colazione tardi, solo al termine d’un lungo lavoro: “Merenda significa cose da meritare, cosicch…é il giusto dovere deve precedere il successivo diritto”. Giunse addirittura -lui goloso degli “hot dogs”- a non comprarli mai: “Mi avvince il profumo e mi piacerebbero…; ma se mi propinassero (carne di) cane caldo, stando fedelmente al significato d’origine e alla mia indiretta richiesta?”.

 

 

Questo articolo si trova in: Dalle radici della lingua italiana ai dialetti

Aggiungi un commento