Eugenio Ciavolino – Il Presepe visto dai banchi di scuola

Inserito da: · gennaio 21, 2012

La casa di campagna vesuviana aveva il tetto a volta ed era chiamata “carosa” da “caruso”. Poteva essere cilindrica,a vela, sferica ed era costruita con lapilli e malta su cui si stendeva l’asfalto. Non aveva servizi igienici perché erano posti in un capanno in mezzo ai campi. La cucina aveva il forno in pietra e si trovava all’ interno dell’abitazione. I colori esterni della casa erano tra il rosa, il bianco e l’azzurro. I muri interni erano bianchi.

Eugenio Ciavolino – Il Presepe visto dai banchi di scuola – vesuvioweb

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Presepio e pastori

Aggiungi un commento