Felice Marciano, Ferdinando Mosto, Salvatore Fiore, Pasquale Marcian – ’E pparole ca ricéva nònnemo

Inserito da: · gennaio 8, 2012

Presentazione del Professore Francesco D’Ascoli. Lo studioso che si accinge a comporre un glossario del dialetto di una cittadina della provincia s’imbatte subito in un problema di limiti: dove finisce Napoli, dove comincia Striano, che cosa viene da Napoli, che cosa accettare e che cosa non accettare come strianese?

 

Felice Marciano, Ferdinando Mosto, Salvatore Fiore, Pasquale Marcian – ’E pparole ca ricéva nònnemo

 

Ebbene, nell’esaminare le bozze relative ad un “vocabolario strianese-napoletano”, ho subito notato che gli autori Felice e Pasquale Marciano, Ferdinando Mosto e Salvatore Fiore se la sono cavata come meglio non si poteva: adoperando e riportando i lemmi prettamente napoletani e quelli che sono nati dalla viva voce degli abitanti dell’agro, che ben poteva offrire al ricercatore materiale sufficiente per dare un’impronta propria al lavoro, in un territorio carico di storia e di preistoria. Gli autori hanno dato al loro paese un gioiello che non aveva: un bravo di cuore! Francesco D’Ascoli La lettura di questa raccolta di parole, nomi e strangianommi di Striano mi riporta immediatamente indietro alla mia infanzia. Solo pochi anni fa mi decisi a scrivere un Ricordo di un anno particolare della mia adolescenza ed ora mi ritrovo a ripensare a quei giorni e a rinnovare quei Ricordi.

Aggiungi un commento