Gianna De Filippis e Salvatore Argenziano: I napoletani da “mangiafoglia” a “mangiamaccheroni”

Inserito da: · Gennaio 25, 2012

Questo è il titolo di un affascinante saggio di Emilio Sereni pubblicato nel 1958 sulla rivista “Cronache Meridionali”. Un viaggio nella storia della alimentazione del Mezzogiorno, dal medioevo al 1800. La sua rilettura mi ha dato l’occasione per un viaggio nella letteratura gastronomica napoletana. L’appellativo di “mangiafoglia” derivava ai napoletani dalla dieta alimentare prevalente, prima della comparsa massiccia dei maccheroni sulla tavola napoletana…

Gianna De Filippis e Salvatore Argenziano – I napoletani da mangiafoglia a mangiamaccheroni – vesuvioweb

… E ciò avvenne solo nel 1700, per esigenze logistiche di approvvigionamento della città, pur essendo già nota fin dal 1200 la utilizzazione della pasta essiccata. Emilio Sereni ripercorre la letteratura italiana e napoletana ricavandone riferimenti alla antica denominazione dei napoletani “mangiafoglia”. A proposito dei costumi napoletani, Luigi Pulci, l’autore del “Morgante”, che venne a Napoli nel 1471, riferisce a Lorenzo il Magnifico:
   
       
          

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Vesuvius e ars culinaria

Discussione1 Comment

  1. nino casola ha detto:

    al testo aggiungerei che la divulgazione nell’uso della pasta fu complice anche l’avvento del pomodoro che fino ad allora era considerato solo come pianta ornamentale Pare che fu addirittura Raimondo Di Sangro principe di Sansevero (quello della famosa cappella col Cristo Velato del Sammartino) che trovò il modo di usare il pomodoro come condimento…e che condimento!!!

Aggiungi un commento