Gianna De Filippis – Sfollati

Inserito da: · gennaio 17, 2012

Lei vedeva suo padre come una sorta di “Deus ex machina” quando c’erano delle emergenze che parevano minacciare la sua famiglia. Così, quando i bombardamenti a Torre si fecero più pressanti, il padre decise di sfollare. Nel bombardamento più duro erano rimaste uccise sotto le macerie del loro palazzo a Capotorre, la moglie, le due figlie ed un fratello sacerdote di un suo carissimo amico, don Giovanni Lerro. La figlia più grande era compagna di ginnasio di sua sorella Santa e di sua cugina Ginetta. Quando la sirena ululava di notte, tutta la famiglia era all’erta.

Gianna de Filippis – Gianna De Filippis – Sfollati – vesuvioweb

 

 

L’unica che rimaneva fino all’esasperazione della madre e del padre era Santa, la sua sorella maggiore che, vinta dal sonno più che dalla paura, li pregava di lasciarla nel suo letto a dormire. Così, mentre il padre vestiva una insonnolita M. Giovanna e la madre Elena, la più piccola, tra un correre e l’altro, sollecitavano in continuazione Santa ad alzarsi e vestirsi in fretta. Poi tutti si univano alla processione che scendeva dai piani, lei spesso in braccio a suo padre e Elena alla mamma e fuggivano al ricovero.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Gianna de Filippis

Aggiungi un commento