Giuseppe Luongo – Il Rischio Sismico e Vulcanico in Campania

Inserito da: · gennaio 29, 2012

I principali elementi fisiografici della Campania sono il segmento della Catena indicato come Appennino Campano, la piana alluvionale che si sviluppa tra Appennino e Mar Tirreno nota come Piana Campana e l’area vulcanica napoletana. L’Appennino è una catena a falde di ricoprimento in compressione lungo il margine orientale ed in distensione sul margine occidentale. La formazione della catena è associata alle spinte tettoniche
generate dalla compressione delle zolle Africana ed Eurasiatica lungo il bacino del mediterraneo. A questo campo di sforzi se ne sovrappone un altro a partire da circa 10 ML di anni fa, quando ha inizio l’apertura del Tirreno…

Giuseppe Luongo – Il Rischio Sismico e Vulcanico in Campania – vesuvioweb

… Il campo di deformazioni che ne consegue rende oltremodo complesso il quadro tettonico regionale. Le spinte tettoniche generate dell’apertura del bacino del Tirreno e la sua successiva espansione hanno determinato la migrazione della catena appenninica verso l’avampaese adriatico e l’accavallamento delle falde. A questo processo si accompagna una tettonica distensiva tra catena e bacino tirrenico, la quale produce una depressione strutturale delimitata dai massicci carbonatici del Monte Massico a NO, dai Monti di Caserta, dalla dorsale del Partenio e dai margini occidentali dei Monti Picentini a N e NE e dai Monti Lattari a SE. Tale struttura rappresenta la Piana Campana. Un processo analogo interessa anche la Piana del Sele delimitata dai Monti Lattari, Picentini e dai contrafforti del Cilento.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Il rischio Vesuvio

Aggiungi un commento