Giuseppe Luongo – La città e i suoi rischi: i rischi naturali

Inserito da: · gennaio 29, 2012

Sismicità L’Appennino Campano rappresenta una della zone a più alta sismicità della penisola italiana. Alcuni terremoti localizzati al confine tra Campania e Molise e tra Campania, Puglia e Basilicata hanno provocato danni per migliaia di chilometri quadrati. La sismicità è un chiaro segno dei processi tettonici che hanno modellato la catena appenninica sono ancora in atto. Tuttavia non è evidente, anche da un’analisi approfondita, la correlazione tra sorgenti sismiche e strutture tettoniche rilevate in superficie. L’analisi della sismicità storica, ed in particolare i dati relativi all’intervallo 1456 – 1980, che forniscono un catalogo completo per i terremoti con intensità maggiore o uguale all’ VIII grado della scala MCS, mostra che le aree a più elevata pericolosità corrispondono al Matese, Sannio ed Irpinia, dove si registrano le massime intensità.

Giuseppe Luongo – La città e i suoi rischi – Rischi naturali – vesuvioweb

 

Aggiungi un commento