Gli Affreschi di epoca romana a Boscoreale

Inserito da: · gennaio 2, 2012

 

Nel tablinum – per rimanercene nella latinità – d’una piccola casetta in costruzione, un giorno afoso dell’agosto del 1894 (1),
io seppi dall’avvocato Pietro De Prisco, a Boscoreale, la storia degli scavi intrapresi da suo fratello Vincenzo.
La casetta, da un lato, guardava sulla via polverosa che da Torre Annunziata conduce al villaggio di Boscoreale: dall’altro affacciava sopra un giardino ombroso ove, al principio d’un solitario viale, un’erma biancheggiava sul verde. Era proprio una triste giornata estiva. La campagna pareva addormentata sotto un cielo fosco e pesante. E ascoltando il De Prisco e sorseggiando la eccellente tazza di caffè ch’egli m’aveva offerto, io lasciavo errare, quasi malinconicamente, il mio sguardo sul vasto paesaggio montuoso che si offriva alla mia vista. Il Vesuvio, di volta in volta, dava fuori pel suo cratere boccate d’un fumo denso e nerastro e, ad ogni boccata, un cupo brontolìo gli romoreggiava brevemente nei fianchi palpitanti. Più in là e più in sotto, presso Resina, il cielo grigiastro era segnato da una linea nera: una turba d’uccelli fuggiva verso Torre. Forse era vicina la pioggia

Didascalia

                                                            Gli affreschi romani a Boscoreale

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

Aggiungi un commento