Marco Catizone – Il Sogno di Re Ferdinando. Commedia semiseria in due atti e un po’

Inserito da: · gennaio 29, 2012

Un Re fuggiasco, sfuggente, lazzaro dal naso priapesco, furbo e credulone; una moglie, una Regina, mezza austriaca, mezza napoletana, la mente offuscata dall’odio per la Rivoluzione Francese, ardente di rabbia, nemica giurata di Napoleone; una Corte di paggi più simili a satiri silvani, ministri insulsi, e poi Orazio Nelson, il fiero inglese dall’occhio solo, Sir Hamilton, la sua mogliettina, Lady Hamilton, e su tutti l’aura tragica di una Rivoluzione sospesa, fragile albero d’una Libertà insanguinata, laggiù all’ombra d’un Vesuvio indifferente…

1 Marco Catizone – Il Sogno di Re Ferdinando – Commedia semiseria in due atti e un po’ – vesuvioweb

2 Marco Catizone – Il Sogno di Re Ferdinando – Commedia semiseria in due atti e un po’ – vesuvioweb

… Sogni popolati d’ombre senza riposo, lemuri un tempo uomini, rivoluzionari adesso martiri: la Pimentel Fonseca, Mario Pagano, Domenico Cirillo, e poi Caracciolo, l’intrepido Ammiraglio, tutti vittime e giudici al contempo, spettri del ricordo in cerca di Giustizia, anime in pena, fiamme senza peccato, incubo per un Re Pulcinella, buffone e vanesio. E Napoli, sempre lei, maestosa e stracciona, mendicante e barocca: il suo spirito, le vestigia di un’epoca scintillante e contorta, seppellite per sempre tra le pagine polverose della Storia.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Il teatro di Marco Catizone

Aggiungi un commento