Michele Langella – HIC SUNT LEONES, ovvero – Mo’ vene Pasca e vienem’ a pesca

Inserito da: · gennaio 17, 2012

Per un sedicenne di Torre del Greco degli anni ’60 dello scorso secolo (mamma mia quanto me so’ fatto viecchio), il detto popolare che ho messo come sottotitolo di queste quattro chiacchiere non valeva appieno perché la Pasqua, ma ancor più il Natale, la dovevi trascorrere con i “tuoi” e non con “chi vuoi”: pranzo con tutta la famiglia con il nonno a capo tavola e papà seduto all’altro capo, io e mio fratello Nello ai due lati di zio Armando, la nonna e mamma indaffarate con i fornelli per portare in tavola un piatto fumante di schiaffoni conditi col ragù e per secondo l’immancabile spezzatino di capretto con i piselli e i carciofi.

Michele Langella – HIC SUNT LEONES, ovvero – Mo’ vene Pasca e vienem’ a pesca – vesuvioweb

 

Ricordo che questa seconda portata era oggetto della solita, annuale diatriba. Credo che nonna Carmela lo facesse un po’ apposta a sfruculiare nostro nonno Pasquale, insinuando che dall’odore non le sembrava che si trattasse di crapetto ma di piecuro, un pecorone avanti con gli anni che emanava – ma solo leggermente, diceva lei – quell’olezzo tipico degli ovili che solo raramente vengono puliti. Altro che olezzo, la nonna rivolgendosi a noi e a bassa voce per non farsi sentire dal marito, bisbigliava chisto è tanfo ‘i piecuro. Noi tutti già conoscevamo l’epilogo e ci scambiavamo occhiate complici trattenendoci dal ridere apertamente.

info@vesuvioweb.com

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Michele Langella

Aggiungi un commento