Michele Sovente – Bradisismo: Poesia

Inserito da: · gennaio 13, 2012

Con Bradisismo la poesia di Michele Sovente porta in superficie l’energia tellurica e immaginativa che aveva caratterizzato la sua ricerca linguistico-espressiva da Per specula aenigmatis e da Cumae fino a Carbones. Le tre lingue da lui adoperate – latino, italiano, dialetto di Cappella – si sono via via intrecciate in un denso brulichio di immagini primordiali, frammenti di vita vissuta, figure tra l’onirico e il quotidiano, fino a formare una stratigrafia dove 1’universo flegreo è tutt’uno con le tensioni profonde, inquietanti, vitali della realtà contemporanea.

 

Michele Sovente – Bradisismo e Poesia – vesuvioweb

 

 

Stare in un territorio dominato da un perpetuo moto che lo costringe ad abbassarsi e a sollevarsi equivale per il poeta a fare i conti con gli imprevisti, le incognite, gli improvvisi sussulti e con le violente impennate dell’esistenza, della storia. Quello che di arcaico e di arcano affiora dalle fenditure del sottosuolo è destinato a nascondersi, creando vuoti e pieni attraverso cui circolano suggestioni, memorie, apparizioni fascinose e al contempo allarmanti. I tre registri verbali in cui s’innerva questo pullulante, composito e complesso universo inventivo e antropologico non cedono minimamente a1la tentazione di sorprendere con soluzioni di sofisticata perizia compositiva, facendosi solleticare da uno sperimentalisimo fine a sé stesso, bensì affondano le radici in una vitalità creativa, in una inquietudine esplorativa, in una volontà di testimoniare, denunciare, dare corpo e voce a ciò che non si vede, a ciò che è marginale.

Questo articolo si trova in: ----- Michele Sovente, 00 In Rilievo

Aggiungi un commento