Michele Sovente – La Poesia

Inserito da: · gennaio 13, 2012

La triade dei grandi poeti contemporanei napoletani neodialettali, dopo Achille Serrao e Tommaso Pignatelli si conclude con Michele Sovente.
Nato nel 1948 nei Campi Flegrei, a Cappella, dove vive, insegna all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Alcuni suoi libri di poesia sono: L’uomo al naturale, 1978; Contropar(ab)ola, 1981; Per specula aenigmatis, 1990; Cumae, 1998, premio Viareggio; Carbones, 2002. Molte sue poesie sono scritte in tre versioni, napoletana, latina e italiana. La sua antologia poetica in napoletano è solo una parte limitata della sua feconda produzione artistica. Noi ci limiteremo a quella. Sovente appartiene a quel filone poetico definito “neodialettale” per il distacco degli autori dalla poetica tradizionale ottocentesca napoletana. Un dialetto di provincia, rivolto più alle arcaiche forme secentesche che alle dolcezze melodiche dell’ottocento.

 

 Michele Sovente – La Poesia di Michele Sovente – vesuvioweb 1

      Carbones

Muvennemo

Rummane

 

 

Questo articolo si trova in: ----- Michele Sovente

Aggiungi un commento