Michele Sovente – Traiettorie continue e rimasugli

Inserito da: · gennaio 13, 2012

In questa immagine-groviglio di esistenze, la poesia di Michele Sovente è immediata, Traiettorie continue così la sua com-passione, Le tante voci stanche. Le tante voci soffocate. e la partecipazione al dolore esistenziale di smidollati personaggi spiumati Il poeta-antropologo (o l’antropologo-poeta?) scruta, impietosamente ora, le emulsioni di una giovinezza abulica dispeptica autarchica che più si scuce più si arrepezza. in una inarrestabile sequenza di frammenti di “vita” giovanile, di questi randagi scodinzolanti che il centro attrae dalle periferie Senza radici.

 

Michele Sovente – Traiettorie continue e rimasugli – vesuvioweb

 

Senza connotati. Senza senso. Puri duplicati. Pura inesistenza. Perifericobuiocentrale. Cose corrose. Cose esplose. Schegge vaganti. Periferia apatica. Periferia fantasmatica. Centrottuso. Centro confuso. in un processo di omologazione reciproca dimodoché tutto quello che non c’era e che non c’è galleggia in un acquario con larve amebe funghi in un irresistibile campionario di microrganismi potenziali.

info@vesuvioweb.com

Questo articolo si trova in: ----- Michele Sovente, 00 In Rilievo

Aggiungi un commento