Renato de Falco – Mazzate ’e cecate

Inserito da: · gennaio 15, 2012

I napoletani, è risaputo, dispongono di una gestualità tanto ampia ed appropriata da riuscire con essa a manifestare concetti, idee e stati di animo facilmente comprensibili da chiunque. Ed è verosimile che tale linguaggio dei gesti – che ha costituito una componente di quella “strategia della sopravvivenza” grazie alla quale il nostro popolo è sempre riuscito a riemergere dalle ancestrali e ricorrenti avversità che ne hanno, di norma, segnato il precario cammino – sia stato indotto dal succedersi di ben dieci denominazioni straniere (per giunta di idiomi diversi) nell’arco dei soli ultimi ottocento anni. La necessità di comunicare con…

Leonardo da Vinci: gatti e zuffe tra gatti

Renato de Falco – Mazzate ’e cecate – vesuvioweb

 

 

…il Dominatore di turno postulava, infatti, l’esigenza di fornire alla parola un supporto gestuale atto a renderla intelligibile: ed in effetti ammontano ad oltre quattrocento le figurazioni attraverso le quali l’homo neapolitanus è in grado di esprimersi in chiave non contenziosa.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Renato De Falco

Aggiungi un commento