Rocco Vitolo – Cronache nocerine. Quel settembre del ’43

Inserito da: · gennaio 7, 2012

Non è nostra intenzione cercare risposte ai grandi interrogativi relativi alle motivazioni che generano le guerre, siano esse civili o di liberazione, tanto peggio se guerre di espansione e di occupazione. Ci incuriosisce, invece, capire meglio il vissuto dei nostri genitori, sviscerare le problematiche legate agli anni della loro adolescenza, anni caratterizzati, per l’appunto, dalla guerra, dalla paura, dagli stenti, dai rischi, dalla fame e, in particolare, quelle subite in quei terribili mesi del ’43: esperienze che hanno determinato, in buona parte, la formazione della nostra generazione.

 

 

 

 

 

 

Rocco Vitolo – Cronache nocerine. Quel settembre del ’43

I bombardamenti, i morti innocenti tra la popolazione civile, le abitazioni distrutte, i rifugi, la penuria del cibo: tutto ciò avveniva anche nel nostro territorio. Non è stato facile trovare nitide testimonianze dirette. I più anziani erano in guerra, i più fortunati erano “sfollati” in territori più sicuri, altri hanno vissuto gli eventi, ma forse troppo giovani per poter oggi ben collocare temporalmente quelle tragedie. Tante notizie raccolte, ma anche tanti interrogativi rimasti insoluti. Perché tante bombe sulla città che non aveva presidi dell’esercito tedesco? Come mai, invece, le caserme esistenti, e fortunatamente, sono rimaste illese? Dove si rifugiava la popolazione, oltre che nelle tufare dell’oratorio e di piazza De’ Santi e nelle caverne di Sant’Angelo in Grotta? Perché tanti bombardamenti sul quartiere di Pietraccetta e su Liporta, ove sono periti la maggior parte dei nostri concittadini? Tanti obiettivi militari (caserme, ferrovie) rimasti illesi, tanti cannoneggiamenti e bombardamenti sulle abitazioni civili.

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Aggiungi un commento