Salvatore Argenziano e Gianna De Filippis – Cucina Napoletana delle Feste da Ippolito Cavalcanti

Inserito da: · gennaio 24, 2012

Magnammo e po vevimmo!
Un anonimo poeta popolare del 1500 invitava al piacere della tavola;
un “carpe diem” mangiatorio:
Amice mieje, magnammo e po vevimmo
nfine ca nce sta uóglio alla lucerna!
Chi sa si all’atu munno nce verimmo!
Chi sa si all’atu munno nc’è taverna!

Salvatore Argenziano e Gianna De Filippis – Cucina Napoletana delle Feste da Ippolito Cavalcanti – vesuvioweb


La letteratura napoletana è stata sempre prodiga di testi gastronomici, dal “Liber de coquina” di Anonimo trecentesco della Corte Angioina, a
Ippolito Cavalcanti (1787-1860), l’autore della “Cucina Casarinola all’Uso Nuosto Napolitano”. Ippolito Cavalcanti, duca di Buonvicino, era discendente di Guido Cavalcanti, poeta del Dolce Stil Novo. Nel 1837 pubblicava a Napoli “La Cucina Teorico Pratica” che, in una successiva edizione, riportava in appendice una sezione di “Cucina Casereccia” in lingua napoletana. La prima raccomandazione dell’autore è rivolta agli attrezzi di cucina. Una elencazione dettagliata di quanto, a quei tempi, era indispensabile avere in casa.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La cucina vesuviana delle feste

Aggiungi un commento