Salvatore Argenziano e Gianna De Filippis – Giulio Cesare Cortese Conziglio dato da lo Chiaiese ad una perzona che l’addemannaie quale fosse meglio ’nzorarese o stare senza mogliere

Inserito da: · gennaio 12, 2012

Decette a lo Chiaiese,

Ch’èie ommo saputo e letterato:

“Tèccote no tornese,

e dimme: è buono l’essere ’nzorato?”

“Bonissimo, diss’isso, a la bon’ora,

Se tu non sì ’nzorato, e tu te ’nzora”.

“Aggio na gran paura,

Io le decette, non desse de pietto

A na mala ventura:

Ed àuzate se puoie, po’, da sso nietto,

E di’ ch’è pezza che se pò stracciare”.

Ed isso disse: «E tu non te ’nzorare».

Salvatore Argenziano e Gianna De Filippis – Giulio Cesare Cortese Conziglio dato da lo Chiaiese ad una perzona che l’addemannaie quale fosse meglio ’nzorarese o stare senza mogliere – vesuvioweb

 

 

Questo articolo si trova in: ----- Giulio Cesare Cortese, 00 In Rilievo

Discussione1 Comment

  1. Tatti Acone ha detto:

    Magnifico. Chi è l’autore dei quadri che illustrano il testo. Sono bellissimi.

Aggiungi un commento