Mannaggia a maräina

Inserito da: · gennaio 21, 2012

-Michè vieni cca. T’aggio ’a spiá na cosa mente ca te pigli u ccafè. Tu ca sî
gghiuto â scola, cumme se rice quanno uno nun vô fá sapé i ffacenne
soie, nzomma nun vô ca perzone trasiticce se ntrumettano nt’î cazzi
suoie?
-Pascà, a risirvatezza?
-Sì ma a llenga moderna, a llenga inglese, cumme se rice?
-A privacy.
-Va bbuo’. Tu l’hai ritto cumme si fosse scritto pràivasi.
-E allora?
-Ma io aggio sentuto uno â televisione ca riceva prìvasi e nno pràivasi.
-E che ne saccio io. Spìalo û pruvessore ca sta venenno. Chillo mpara l’inglese
ncopp’û gginnasio.

Salvatore Argenziano – Mannaggia a maräina – vesuvioweb

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La Fonetica della Lenga Turrese

Discussione1 Comment

  1. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Quante ne songo e qquanto songo streuze ‘e dialette, e ognuno stranio ‘a n’ato!

Aggiungi un commento