2 Na vita storta. Racconto della sua vita di Gargiulo Ciro, classe 1930, nato a Torre del Greco

Inserito da: · gennaio 20, 2012

Quanno fernette a uerra, tenévo trìrici anni e nnu ttenévo né arte né pparte. Cu ppátemo m’ero mparáto a ffá u pisciavino ’a quanno ero uaglione ma chistuccà nu mme pareva nu mestiere buono pe mme. Songo iuto pure â scola, nfin’â siconda, nt’û palazzo r’a signora Dorge, abbasciammare, ma nun passavo maie pecché facevo sempe a scola nt’â Scala, nzómma u filone, e iastemmavo nnanzi â maesta…

Salvatore Argenziano – Na vita storta Racconto della sua vita di Gargiulo Ciro, classe 1930, nato a Torre del Greco

… Na vota le vuttaie nu calamaro ’i gnostra ncopp’û mantesìno e n’ata vota ll’appicciaie nu tricchitracco sott’â seggia. Po, quanno a ciaccáie a ssàngo cu na paròccola, pátemo me ricette o te mecco û serraglio o vieni appriesso a mme a vvuttá a carrettella

Aggiungi un commento