Sarzetiàrse

Inserito da: · Gennaio 21, 2012

“Sarzetiárse:…??? Non trovo questo verbo nella letteratura napoletana. Probabilmente è un termine torrese ma il significato assume forme diverse, a seconda di chi lo pronuncia e della situazione alla quale lo si riferisce. La letteratura in dialetto torrese è, purtroppo, inesistente e le parole assumono di volta in volta significati diversi. La fonetica precisa si corrompe nel tempo e la grafia risulta vaga e inattendibile. Da dove discende “sarzetiarse”? Bisognerebbe per prima cosa stabilirne la grafia esatta, il che è difficile data la scarsa diffusione di questa parola.

Salvatore Argenziano – Spruloquianno – Sarzetiàrse – vesuvioweb

Potrebbe trattarsi di una corruzione fonetica di “surzotiá”, da “surzo”, sorso e, in tale ipotesi, sarzetiarse starebbe per sorseggiare, con valore riflessivo ad indicare il proprio diletto: me lo sorseggio. In questa accezione sarzetiá starebbe per consumare con calma e diletto, opposto di strafucá. Un’altra definizione proposta è quella di “consolarsi”. Potrebbe essere una conseguenza dell’azione di cui sopra ma i riferimenti sono troppo vaghi per affrontare una etimologia in tale direzione. Mi auguro che qualche amico possa avere riferimenti precisi su questo termine che, assieme a ciquitta, nesciacatatene, sichinenza ecc. appartengono esclusivamente al dialetto torrese”.

%3C/strong%3E">

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Spruloquianno

Aggiungi un commento