Silvio Falato – Superstizione e magian nella cultura popolare del II Novecento – Ricordi di Janare

Inserito da: · gennaio 26, 2012

In “Ricordi di Janare” abbiamo constatato come in un passato lontano angosce e paure trovavano la loro ragione di esistere nelle condizioni esistenziali davvero tristi: miseria economica, causata soprattutto dalla precarietà dei raccolti stagionali, case fredde e buie, duro lavoro nei campi, senza l’ausilio di qualche mezzo agricolo, analfabetismo, limitatezza di orizzonti esistenziali: il tutto aveva come punto focale lo spettrale mondo delle superstizioni e delle magie. Ma proviamo ad andare avanti col tempo, accendiamo un flash sugli anni cinquanta- sessanta!

 Silvio Falato – Superstizione e magian nella cultura popolare del II Novecento – Ricordi di Janare – vesuvioweb

Potremmo definirli fatidici; è un periodo, infatti, di importanza cruciale, il momento più rivoluzionario che sia stato registrato negli ultimi tempi. Che fatica uscire dal buio della guerra! Nei cuori e negli occhi di tutti vuole vibrare la speranza; ci si rimboccano le maniche per la ricostruzione; bisogna ricominciare.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Antropologia

Aggiungi un commento