Vincenzo Ugliano – Vecchi Mestieri Vuttaro e Spasaro

Inserito da: · gennaio 8, 2012

Ernesto De Martino, storico, antropologo e meridionalista, ebbe a scrivere: la verità che cerchiamo non è quella dello storico, ma quello che nel presente è rimasto del passato. Mi è ritornato alla memoria questo distico quando, riordinando del materiale che avevo raccolto molti anni fa, ho trovato delle interviste fatte a due artigiani che avevano esercitato la loro attività nel quartiere di Casolla. Lo scopo della ricerca era tipicamente antropologico, ma ad una rilettura attuale ritengo che il riportare parte di quelle interviste all’attualità risponda all’affermazione di De Martino.

 

Vincenzo Ugliano – Vecchi Mestieri Vuttaro e Spasaro – vesuvioweb

 

I mestieri in questione erano ’o vuttaro e ’o spasaro. Chi, ragazzo nel secondo cinquantennio del secolo scorso, bighellonando per il proprio quartiere, non ha avuto modo di soffermarsi ad osservare questi artigiani nelle proprie botteghe? Oggi dove ritroviamo tracce di quelle arti? La mia curiosità era attratta prevalentemente dal nome degli oggetti che realizzavano ed ebbi modo, restando attento a non disturbare, di conoscerne anche l’uso al quale erano destinati. E sì perché il loro non era solo un’elencazione d’oggetti, ma ognuno aveva la sua particolare storia: economica, sociale e di costume. Lo spasaro usava l’albero del castagno prevalentemente come materia base, presente in gran quantità sul monte Albino e sui monti dell’avellinese.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Tradizioni

Aggiungi un commento