Aniello Langella – I bbutteglie ’i pummarole e le regole delle “regole”

Inserito da: · febbraio 3, 2012

I bbutteglie ’i pummarole e le regole delle “regole” Quando arrivava il momento della calda estate e con esso il bel tempo, la casa con il suo ampio giardino diventava un vero e proprio laboratorio di sperimentazioni e di emozionanti novità, le stesse cose e gli oggetti dei mobili sembravano avere nuova luce perché il sole tra quelle mura faceva il padrone. Ero piccolo e frequentavo le elementari allora e i ricordi di quei momenti sono tutti bellissimi.

Disegno acquerello di Aniello langella

Aniello Langella – I bbutteglie ’i pummarole e le regole delle “regole” – vesuvioweb

Erano i tempi della spensieratezza e della gioia di stare accanto ai nonni e di condividere con loro dei momenti straordinari, che più tardi amaramente avrei compreso, essere unici e irripetibili. Finiva la scuola e per qualche mese la penna, la matita e i quaderni con la copertina nera, restavano chiusi in cartella. Con l’estate in tutte le case della mia città iniziavano i preparativi per fare “i bbutteglie ’i pummarole”. Penso che tutti sappiate di cosa si parli. “Fare le bottiglie” più semplicemente equivaleva a preparare la conserva di pomodoro e questo procedimento aveva delle regole precise.

Discussione1 Comment

  1. ANDREA D'AMATO ha detto:

    …………SONO QUI A RILEGGERE E D AMMIRARE CIO’ CHE MIO FRATELLO,AMICONE,HA COMBINATO E DI CUI NON ERO A CONOSCEZA…ERO FERMO AI BOCCACELLI CON ALCOOL ED ANIMALETTI DOMESTICI,UNA RACCOLTA CHE NONNA mARGHERITA GUARDAVA DI SBIECO E DON LEONARDO MORDEVA L’UNICA SIGARETTA TERRENA CHE NON CONSUMAVA PIU’……CHE GRANDI……….

Aggiungi un commento