Aniello Langella – Il Biribisso, spassoso divertimento d’altri tempi

Inserito da: · febbraio 2, 2012

“Na scuppettata nfronte, è gghiuto nterra luongo luongo,… e schizzaie sangue pe tterra e nfaccia a ll’arbere… i’ me ne so’ fuiuto, Accelle’, so’ fuiuto comm’ô ccuotto e p’ ’a paura m’aggio anguattato addereto ô murillo d’ ’a cchiesa ’o Carmene”

Erano passate da poco le 11 del mattino e trafelato, agitato e pallido come un polpo vecchio di 10 giorni, Saverio guardando fisso negli occhi il padrone, che da poco si era destato, aveva raccontato il fatto che gli era accaduto durante le prime ore dell’alba, nei pressi della campagna del Vesuvio…

Aniello Langella – Il Biribisso – vesuvioweb

… Tutta la campagna di contrada Zazzera risuonò di quel colpo d’archibugio, in quella mattina fredda e ventosa. A Somma Vesuviana proprio quella mattina si sarebbero celebrate le nozze della primogenita del notaio Agliocca, noto in tutto il circondario e a nessuno sarebbe balenato in mente il desiderio di indagare su quel delitto. Per cui la cittadina tutta, restò tacitamente nascosta nelle proprie case, come se nulla fosse accaduto. Le finestre serrate. Nessuno aveva sentito nulla e nessuno voleva sapere nulla.

Aggiungi un commento