Aniello Langella – Il Vesuvio e l’eruzione del 1754

Inserito da: · febbraio 1, 2012

Ha due direzioni, una verso la Torre del Greco l’ altra verso Torre della Nunziata. Era troppo tardi per intraprendere di salire il monte, o fin donde si poteva coprire la bocca dell’ eruzione. Scorre la lava come il rame fuso, e nel muoversi da principio è Coperta di ceneri grosse e minute, che non appariscono infuocate al di sopra, ma al di sotto sono roventi: queste vengono avanti gradatamente, e la groflezza della lava nella maggior sua
lontananza dalla bocca, può avere 12 a 15, piedi d’altezza; e nel muoversi fa scuopre sotto le ceneri un fiume di ardentissimo fuoco…

Aniello Langella – Il Vesuvio e l’eruzione del 1754 – vesuvioweb

… Commuove moltissimo a pietà la viltà delle povere gemi della campagna, le quali inginocchiate stanno attente al progresso della lava, che nel tempo ch’ io mi trattenni, in quelle vicinanze, entrò in due Vigne, ove le viti sono sostenute da grossi pioppi, quelli appena toccati dalla lava, si accendono come farebbe una torcia presentata ad un fuoco ben acceso.

Aggiungi un commento