Aniello Langella – Il Vesuvio e l’eruzione del 1861

Inserito da: · febbraio 1, 2012

Dall’8 al 10 dicembre di quell’anno e in maniera quasi costante i fenomeni eruttivi iniziarono a circa 300 metri sul livello del mare, con emissioni laviche sgorgate quasi nei pressi delle bocche del 1794, in località Montedoro a Torre del Greco. Classificata dai vulcanologi come effusiva ed esplosiva, l’eruzione generò un corso lavico che si diresse verso la città provocando distruzione nelle campagne e andando a colmare un vallo creatosi proprio a oriente del flusso lavico del 1794.

Aniello Langella – Il Vesuvio e l’eruzione del 1861 – vesuvioweb 2010

I fenomeni che precedettero quell’evento furono di notevole energia e in località Capotorre si ebbero crolli di edifici con sollevamento del suolo di oltre un metro e mezzo, come descritto dal Palmieri. Molte fenditure di aprirono nel piano della campagna e nel centro della città e nel mare furono osservate molte fumarole che determinarono una grande moria di pesci.

Aggiungi un commento