Aniello Langella – Medicina vesuviana – I bagni di vino

Inserito da: · febbraio 4, 2012

Che il vino sia stato da millenni alla base dell’alimentazione umana è un dato di assoluto riscontro storico, archeologico e culturale in senso lato.
Non si conosce civiltà del bacino del Mediterraneo, e quindi a noi vicina, che non abbia portato a tavola il prodotto della terra e del lavoro più famoso al mondo. Rosso, bianco e rosato ha riempito le migliori coppe ed ha dissetato i commensali più illustri, ma nel contempo è stata la bevanda dei semplici, degli umili e della potente Chiesa.

Aniello Langella – Medicina vesuviana – I bagni di vino – vesuvioweb

Ma che il vino stesso potesse avere degli effetti curativi e come tale venir considerato anche come rimedio medico, mi sembra un po’ eccessivo. Quanto meno questo aspetto andrebbe approfondito. Ed è quello che cercheremo di fare. La Medicina, quella con la “M” maiuscola, e per intenderci, quella che oggi vuole sperimentazioni, verifiche e prove, non può sottrarsi ai rigidi protocolli che collocano questo o quel farmaco nell’elenco delle cure per la salute umana. Nulla ci vieta tuttavia di sfogliare il grande libro della storia per leggervi il senso delle cose e della vita degli uomini che ci hanno preceduti e che con questo alimento hanno avuto a che fare. E così, aprendo le pagine ingiallite di quei libri, mi ritrovo tra le mani i “bagni di vino del Vesuvio”. Una pratica di qualche secolo fa, che a quanto sembra, faceva miracoli.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Medicina vesuviana

Discussione3 Comments

  1. angelo di mauro ha detto:

    Ne ho parlato in un mio saggio sul vino di Somma Ves. risalendo alle pratiche ‘suscitative’ di papa Paolo III e del vinaio locale Michele ‘e Zeza.

    • admin ha detto:

      Le pratiche mediche di curare le comuni affezioni con “bagni di vino” risalgono ai secoli gloriosi della Grecia classica e pare assodato che nelle stesse norme sanitarie di Ippocrate comparisse l’uso di utilizzare una simile terapia per le patologie reumatiche. Sulla stessa stregua venivano anche utilizzati i bagni con latte e con miele. Grazie per la nota

  2. Dal libro sacro, la Bibbia,leggiamo l’azione esilarante e ipnoinducente dell’abuso del vino che, fronteggiato dalla grazia di una leggiadra fanciulla, spumeggia gioiosamente!…Vinum et mulieres in libidine spument!….
    prima del riconoscimento nella farmacopea ippocratica,l vino era linimento di piaghe e ferite da campo bellico ed altro ,sussidiato dalla sua salutare acidificazione;Perciò preambolo nei processi di mummificazione. ottimo il potere disinfettante ancora oggi presente tra i galenici,non tanto perchè germicida quanto potente detergente, talora, di superfici corporee luride da carenza di acqua e sapone!….R.Giallaura

Aggiungi un commento