Antonio Abbagnano, Salvatore Argenziano e Aniello Langella – ‘A Pruàsa

Inserito da: · febbraio 3, 2012

Mestiere antichissimo e nobilissimo questo che trattiamo oggi. Duemila anni fa a Pompei si raccoglievano le urine umani e animali per utilizzarle nella lavorazione delle stoffe. Duemila anni fa si concimavano i frutteti con il letame animale. La raccolta degli escrementi animali e umani era divenuto un vero affare e gli addetti ai lavori sicuramente non erano ricchi ma sapevano vendere la merce al miglior offerente.

Antonio Abbagnano, Salvatore Argenziano e Aniello Langella – ‘A Pruàsa – vesuvioweb

Quel mestiere così strano è giunto fino ai nostri tempi con mutate forme. Nei campi ancora oggi si concima con il letame delle stalle bovine. Ma fino agli anni a cavallo dell’ultima guerra nella terra del Vesuvio un signore, detto a Pruasa raccoglieva per le case gli escrementi umani, per poi rivenderli agli agricoltori locali. Un mestiere d’altri tempi. Una storia per non dimenticare anche queste piccole e colorite vicende di terra vesuviana.

Aggiungi un commento