Giuseppe Giacco – Le Bucoliche di Virgilio in latino, italiano e nella traduzione napoletana di Michele Rocco – Ecloga II – Alexis, Alessio

Inserito da: · febbraio 17, 2012

Corydon
Formosum pastor Corydon ardebat Alexin,
delicias domini, nec quid speraret habebat.
Tantum inter densas, umbrosa cacumina, fagos
adsidue veniebat. Ibi haec incondita solus
montibus et silvis studio iactabat inani:
O crudelis Alexi, nihil mea carmina curas?
nil nostri miserere? mori me denique cogis?

Giuseppe Giacco – Le Bucoliche di Virgilio in latino, italiano e nella traduzione napoletana di Michele Rocco- vesuvioweb

Coridone
Il pastore Coridone ardeva d’amore per il bell’Alessi, delizia del suo padrone, ma non aveva alcuna speranza. Veniva soltanto assai spesso tra i folti faggi dalle cime ombrose; qui solitario rivolgeva ai monti e alle selve con vana passione queste rozze parole: «O crudele Alessi, non hai alcuna stima dei miei canti? Non hai alcuna pietà di me? Alla fine mi spingi a morire

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Michele Rocco

Aggiungi un commento