Giuseppe Sigismondo – L’eruzione del Vesuvio del 1789

Inserito da: · febbraio 2, 2012

Giuseppe Sigismondo (1739 – 1826), scrittore e storico italiano. Nel tomo terzo di “Descrizione Della Città Di Napoli E Suoi Borghi”, del 1789, il dotto storico partenopeo si sofferma a descrivere le attività eruttive del Vesuvio.
“Circa otto miglia all’ oriente della Città di Napoli, e due. in distanza dal mare verso il mezzogiorno, s’erge questo Monte ignivomo di altezza circa due miglia chiamato da’ Latini Vesuvius, Vesebius, Vesbius, dagl’Italiani Vesuvio, e da Napoletani Montagna di Somma. È ben vero che la base del Monte, il quale sta isolato e distaccato per molte miglia dagli Appennini, è una sola, ed abbraccia circa 24 miglia; ma presso la metà vien divisa da una grandissima valle, cosicché la parte che riguarda il settentrione dicesi Monte di Somma, e di Ottajano, la parte verso il mezzogiorno Vesuvio. Nelle sue falde si fanno vini i più squisiti chiamati da’ Napoletani Lagrima, e Greco, e frutta le più dilicate; e ciò si attribuisce alle ceneri che cadono dal Monte sul sottoposto terreno, le quali impregnate di sali, e di solsi, e mischiate colle acque piovane rendono fertilissime le campagne, e più saporose l’erbe e le frutta. li Vesuvio dunque è …”

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L'eruzione del Vesuvio del 1789

Aggiungi un commento