Goffredo Locatelli – Dall’Irpinia a Dubai accademia del vino in dieci generazioni

Inserito da: · Febbraio 2, 2012

Appena metto piede nell’azienda, mi si para davanti una ragazza alta e dritta come un’asta di bandiera. «Sono Chiara ,esordisce, venga, le mostro prima la cantina». La seguo, è svelta, senza trucco. «In questa barricaia abbiamo 2mila botti di vino rosso, sono in rovere francese, da 225 litri l’una. Invece i bianchi si conservano in serbatoi di acciaio. Ha visto la volta?». M’invita a osservare la galleria, le cupole affrescate, l’antica pavimentazione in pietra viva. Poi scendiamo in un tempio sotterraneo chiuso a chiave. È dedicato al «figlio del sole», come lo definì Baudelaire,…

Goffredo Locatelli – Dall’Irpinia a Dubai accademia del vino in dieci generazioni – vesuvioweb

… al nettare satanico capace di consolare i dolori più atroci, scatenare le passioni più infuocate, aiutare a fuggire dal mondo e a godersi la vita. «È il caveau privato», sussurra. E indica il tesoro di famiglia: bottiglie in fila come reliquie, bottiglie sopravvissute a guerre e terremoti. Ne prende una impolverata, la rigira tra le mai. Leggo l’etichetta: Taurasi 1928, annata simbolo di un gran vino che l’Irpinia ignorante spediva in forma anonima, per ferrovia, ai blasonati viticoltori di Bordeaux. «Venga, – incalza Chiara – la porto dal professore». Di lui, di Piero Mastroberardino, a ben pensarci, so già molto.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Il mondo agricolo

Aggiungi un commento