U strùmmulo

Inserito da: · febbraio 2, 2012

Strùmmülö: s. m. Trottola di legno: etim. Greco “stròbilos” e “stròmbos”, trottola. Passato al latino “strumbus”, da cui, per assimilazione della /b/ “strummu” e ampliamento in “strummulo”. *S’è aunito, a funicella corta e u strummulo a sciarabballo. Lo strummulo che non azzeccava nterra era detto sciarabballo. Per chi non l’avesse mai visto, u sciaraballo era un carro a cavalli con sedili. etim – Francese “char a bancs”, carro con panche. La
trasformazione da panche a ballo deriva dai sobbalzi continui che subivano i viaggiatori sulle strade sconnesse. I balli popolari di una volta non erano
balli lisci. Si tenga inoltre presente la grafia con la doppia “b” che accosta lo sciarabballo al verbo “abballare”.

Salvatore Argenziano – U strùmmulo – vesuvioweb

Discussione1 Comment

  1. umberto vitiello ha detto:

    Tanti bei ricordi d’infanzia riportati in vita

Aggiungi un commento