Discussione2 Comments

  1. Osvaldo De Mase ha detto:

    Carissima Suor Gioia e consorelle carmelitane del monastero di Santa Teresa d’Avila a Via Palma 3 a Massalubrense, oggi 16 dicembre, con mia moglie Gena, siamo stati a una visita guidata alla sagrestia della chiesa dei Girolamini a Via Duomo , mi avevano detto che non era possibile vedere la maschera di cera della Venerabile Madre Serafina di Dio , intanto inizia la visita alla sagrestia e con grande stupore vedo la maschera, messa dal Direttore e curatore del monumento nazionale dei Girolamini di Napoli , Sergio Liguori. Loro avevano letto quello che avevo scritto sul sito : http://www.vesuvioweb.com nella rubrica “Personaggi illustri” e sono rimasto sorpreso nel trovare la maschera di cera , mi sono emozionato con Gena per la bontà del direttore, abbiamo pregato davanti alla maschera che contiene le ultime gocce di sangue della Venerabile sul suo bellissimo volto i segni della passione di Gesù, la cera è impregnata del sangue ed è di color rosso ferroso per i prodotti di degradazione dell’emoglobina una meraviglia conservata alla sagrestia dei Girolamini a Napoli, nella biblioteca famosa, forse ci saranno i suoi scritti come pure il primo libro della sua vita scritto dai due padri oratoriani di San Filippo Neri : Come pure il primo libro della sua vita da i suoi direttori spirituali Padre Niccolò Sguillante e P. Tommaso Pagani , scrissero la sua prima biografia in un libro edito a Venezia nel 1727 , avendo conosciuto la Madre Serafina , confessori di lei e primi testimoni al processo diocesano nonché alla sua causa di beatificazione, riportarono con fedeltà i suoi scritti oltre 2300 lettere molte indirizzate a due sommi pontefici , fu autrice di oltre 100 trattati , consigliera di Benedetto XIII Orsini arcivescovo di Benevento e Papa Innocenzo XI Odescalchi comasco che aveva conosciuto la umile suora a Giurisprudenza a Napoli e legata da profonda amicizia fino alla sua morte , fu trovato con 5 lettere della Suora sotto il suo guanciale come attesta il verbale della morte del pontefice del assedio di Vienna dal Turco all’epoca del impero ottomano , questo libro contiene gli scritti e i 100 trattati della madre Serafina, oggi la biblioteca è sotto sequestro della magistratura dopo i furti alla biblioteca, sono felice di rivedere la maschera di cera della Venerabile Madre suor Serafina Carmelitana fondatrice di 7 monasteri e di Santa Teresa a Massalubrense ancora abitato da umili donne di chiesa dalla fondazione nel anno 1673 contemporaneo del monastero del Santissimo Salvatore a Capri dove lei muore un 17 marzo 1699 , al primo monastero sono passati 318 anni , e siamo felici di rivedere alla sagrestia dei Girolamini di Napoli la maschera di cera posta sul suo volto dalle infrante sue consorelle Carmelitane e che fu portata dai suoi direttori spirituali alla sagrestia dei Girolamini, speriamo che un giorno finalmente possiamo vedere i segni lasciati da questa umile eroina e grande donna vesuviana che riposa a Capri nella Chiesa della Piazzetta di Capri nella cappella del crocifisso ligneo del Colombo , il fuoco del Divino Amore di questa umile donna ancora si conserva sotto la cenere dell’umiltà , ecco il miracolo della santità dopo più di tre secoli di questa singolare figura storica e mistica con doti straordinarie di scrittrice , sono arrivati a noi i suoi scritti tramite tanti autori e una nuova biografia data alla stampa dal Padre Stefano Possanzini O.carm edizioni carmelitane Roma 2001 . Osvaldo Vicente De Mase delegato alla cultura e ambiente di Arci Pesca Fisa comitato regionale della Campania

  2. pierpaolo de gennaro ha detto:

    ho scritto un libro sulla bellezza del golfo, due romanzi e diversi racconti che parlano anche di madre Serafina su iILMIOLIBRO di la Repubblica:
    1) il sogno di Piergiorgio il pescatore;
    2) vivo a Capri da 500 anni e sono una carruba (romanzo);
    3) Chiè, la mastina del clochard marchese (romanzo);
    4) Lo sventurato amor del duca zio (racconto);
    5) Vento s’oriente (racconto);
    6) Strenna poetico letteraria sulla città di Vico Equense;
    7) Saggio poetico letterario sull’sola di Capri.
    Questo per costruire dei presupposti ulteriori a stimolo della sua santificazione.

    (a madre Serafina)
    Volli poi armonizzare una cantata
    che l’Opre riflettesser della Santa
    Serafin dal Sereno soave Spirto,
    per la Luce Divina a Lei ispirata
    nel Fide propagar virtù Celesti.
    Prassi che debil la vide più volte
    al tribunale degli uomini esposta,
    ma rinascere sempre più esultante,
    perché vocata di maggiori doti,
    si era sin da bambina maturata:
    così in estasi a Dïo con la mente
    sé giunse contemplante il mondo Creato.
    Meditava così nutrite spinte
    che fresche le sbocciassero durante
    preghiere di Beltà in luoghi ispiranti,
    dove con strali d’amato ardimento
    proprio Gesù, come angelo vestito,
    volle trafiggerLa di dolce afflato.
    La medesima Luce che impegnata
    tenacemente l’avrebbe rivista
    forzare Satana l’impenitente
    di convertirsi all’Uomo Suo Risorto.
    Pertanto non sarebbe stato giusto,
    chiesi serenamente infervorato,
    annoverarLa come pia esegeta
    Sirena, per avere Ben disposto
    alla Felicità vergini, edotte
    perché, Gesù Nazareno ispirante:
    le Theologal Virtù del trascendente
    percepissero sì naturalmente?
    La Sacrale Armoniosità vissuta
    gioiosamente dai Gloriosi Santi,
    con brio emulassero da parche ascete?
    Norman Douglas a lungo ha meditato,
    nel: Terra delle Sirene digesto,
    sulla vitalità stoica velata
    di costei, esemplarmente pura e casta.
    Ad esempio ei scoprì che Ella, durante
    il dì del monastero inaugurante,
    al Santissima Trinità dicato
    e al Paradiso, levitò danzante.
    Era felice d’aver ricambiato
    Paolo Regio ove fu vescovo e santo
    Sireno nutrimento dei concetti
    per cui accettò d’esser misconosciuta
    angelo della nobile casata
    dove nacque, così per Chiesa dotta
    d’essere perseguita ed inquisita:
    tanto da vivere anni condannata
    a restar chiusa nella sua celletta.
    La Beatificazione dopo morta,
    subito avviata, Le fu poi interdetta
    esser di recente riproposta.
    Che Dio proclamar Santa il concedesse
    Se questa serenata Ei s’ascoltasse
    perché la vita Sua emulata fosse
    in questo mondo vuoto di Promessi.

Aggiungi un commento