5 Pasqua 1943 – I bbombe ncopparipa di Salvatore Argenziano

Inserito da: · aprile 27, 2012

Pasqua 1943* – I bbombe ncopparipa di Salvatore Argenziano

Tutto stu scunquasso succerètte nt’â nuttata nfra Sabbatusánto e Ppasca. Era u vinticinco abbrile r’u

quarantatré, quanno ncopparipa carètteno i bbombe.

Salvatore Argenziano – Pasqua 1943 – I bbombe ncopparipa – vesuvioweb 2012

 

*Testimonianza resa da Cirillo Gioacchino, classe1890, di professione barbiere

Discussione5 Comments

  1. Maria Esposito ha detto:

    Messaggio:
    Gentile amico Salvatore: triste testimonio, quando Gloria suonava al
    mattino….altri tempi, ai ragione tutto fluisce col fluire del tempo.
    Voglio rendere un piccolo omaggio a le anime dolenti di quel brutto
    giorno.Riposate in pace vittime innocenti del Potere Humano che sempre
    fersce il piú debbole riposate in santa pace, Abbraccio affetuoso per
    te caro Salvatore.Spero che tutti i tuoi racconti dal vero siano
    liberatori di tanto dolore.
    Maria Esposito dall’Argentina

    • Salvatore ha detto:

      Grazie, carissima Maria. Tu hai colto nel segno.
      I ricordi di tanti momenti brutti o tristi di quell’anno, ormai sono stati rimossi.
      Oggi ripenso a quei giorni e con affetto a quel ragazzino decenne che ero io.
      Per me è l’occasione per rivivere quella infanzia bruscamente terminata in quell’anno e tutto ciò con un piacevole viaggio della memoria.
      Un abbraccio,
      Salvatore

  2. maria ha detto:

    Domenica 29 aprile 1945
    Piazzale Loreto
    Milano, ore 3. I corpi di Benito Mussolini e Claretta Petacci giustiziati a Giulino di Mezzegra e degli esponenti della repubblica di Salò, giustiziati a Dongo, trasportati su un camion fino a Milano vengono scaricati in piazzale Loreto. I loro corpi vengono appesi alla tettoia di un distributore di benzina, esposti per quasi tutta la giornata all’oltraggio della folla. «Lo spettacolo, che mi ha lasciato addosso un vago senso di vergogna, mi insegna cos’è la piazza quando si ubriaca di qualche passione e mi ispira un odio profondo verso tutti coloro che cercano di ubriacarla» (Indro Montanelli). Meno di un anno fa, il 10 agosto, quindici prigionieri politici erano stati fucilati ed esposti in questa stessa piazza da un plotone della legione Ettore Muti per ordine del comando tedesco di Milano, come rappresaglia di un attentato dei Gap. [Leggi l’articolo di Ettore Botti]

    La guerra. La resa dei tedeschi in Italia
    Fronte italiano. A Caserta il colonnello Schweinitz, in rappresentanza del comandante dello Heeresgruppe C in Italia, sottoscrive la resa incondizionata di tutte le truppe tedesche in Italia a partire dalle 14 di mercoledì 2 maggio. Prosegue l’avanzata alleata nel nord: truppe britanniche raggiungono Venezia.

    Fronte orientale. A Berlino infuria la battaglia al Reichstag e alla Cancelleria.

    Fronte occidentale. Il XV corpo della VII armata Usa attacca Monaco di Baviera e conquista i sobborghi della città.
    ………Salvatore:leggendo oggi il corriere,come sempre alla ricercha di un po di storia,non lo so se fú casuale o CAUSALE –data 29/04/45—29/04/2012–leggi il peso tremendo del’editoriale .

    Vorrei se sei disposto ad una tua risposta,che puoi aggiungere alla data 29/04/45,che riccordi anchora non si possono cancellare dalla tua mente,sarebbe interessante spremerlgli..fare catarsi…fare della ferita un dono alla Storia ,alla nostra storia al solo motivo di cancellare il dolora senza giudizzi,fare del racconto una poesia.
    (spero essere stata precisa nel dialogo)
    cordiale saluto Maria delll’argentina..

  3. Maria Teresa Di Paola ha detto:

    La mia famiglia tra il 1943 e il 1954 fu proprietaria di un’azienda agricola nella frazione di Leopardi, dove producevano albicocche, pesche e uva, inoltre possedeva a Santa Maria La Bruna una villa, detta a casina rossa nei pressi della strada provinciale, che oggi esiste ancora ed è visibile dall’autostrada. I tedeschi stabilirono in questa villa il loro Comando, ma con l’incalzare dei bombardamenti e l’avanzare delle armate anglo-americana se ne andarono via di notte, rubando tutto quello che potevano portarsi e lasciando intoccata solo la stanza dei bambini. Dopo poco giunsero gli americani, che a loro volta vi stabilirono per qualche tempo il loro comando, ma quando se ne andarono lasciarono su un tavolo nell’ingresso ogni sorta di cibo in scatola, cioccolato e pure una coperta di lana bianca con cui mia madre avrebbe cucito il suo primo cappotto a mio fratello,nato nel dicembre del 1940.
    Le scrivo tutto questo perché vorrei sapere qualcosa di più su questi eventi e sulla zona dove si trovavano le due frazioni di Torre del Greco. Nell’articolo qui riprodotto vedo inserite delle fotogafie e mi chiedo a che periodo risalgono e se qualcuna di esse mostra l’abitato di Santa Maria La Bruna.

    • Salvatore ha detto:

      Gentile signora Maria Teresa, grazie per la bella testimonianza degli anni di guerra e dopoguerra.
      In altro scritto ho narrato i miei ricordi di quegli anni ma limitatamente alle mie esperienze di vasciammare, dove abitavo. Se le può interessare, queso è il link su questo sito:
      http://www.vesuvioweb.com/it/2012/01/salvatore-argenziano-ricordi/
      Per le foto, purtroppo, non ne ho trovate dell’epoca e mi sono servito di foto e cartoline anonime di Torre.
      Grazie ancora e saluti cordiali.
      Salvatore.

Aggiungi un commento