Discussione9 Comments

  1. maria ha detto:

    Gentile collaboratore della web:sre:Rajola Giuseppe——mi risultó tanto interessante la sua edditoriale su questo chiamato mistero ,che doppo tanti anni di recerche ,studi viene confermato
    IL CORALLO DI SCIACCA É UN CORALLO SUB–FOSSILE E COME TALE SI É POTUTO CONSERVARE.

    MERAVIGLIE DELLA NATURA!!!!
    GIOIELLI DELLA NOSTRA TERRA .

    LA RINGRAZIO TANTO PER IL SUO IMPEGNO//MI CONGRATULO ANCHE CON I SUOI COLLABORATORI

    cordiale saluto da Maria dall’Argentina

    • giuseppe rajola ha detto:

      Gentile Signora Maria,
      grazie per le Sue belle parole e per i complimenti che girerò pari pari a tutti i ricercatori che hanno partecipato a questa “avventura”.
      Io amo definire il mio libro “la storia di una ricerca, una ricerca che diventa storia”.
      La storia di una ricerca rigorosamente scientifica e, nel contempo, una ricerca storica, minuziosa delle fonti del tempo. un’epopea quella del corallo di Sciacca, che ha segnato il destino di un popolo: fu allora che a Torre del Greco nacquero e si svilupparono le grandi aziende, fu allora che -favoriti dallabbondanza di materia prima e dal basso costo della stessa- si svilupparono quei processi di industrializzazione, di specializzazione e di cottimizzazione che hanno visto primeggiare Torre del Greco in tutto il mondo.
      Grazie ancora, Signora Maria. Mi consideri a Sua disposizione ove voglia altre informazioni o approfondimenti. Suo
      Giuseppe Rajola

  2. maria ha detto:

    Gentilissimo Giuseppe:
    Al paese sichuro lo chiameranno Peppe .Peppino:mi permetta la confidenzza,faciamo in modo che fossimo redunati —Aniello— Tore ecc.in una di queste primaverili serate …lá propriamente abbasciamare…o pure sopra na varchettelle,o mare c’é facesse da connele….Cosi come amici di tanto tempo fa…dicessemme::::Peppino parlaci dei coralli di Sciacca !!!!
    —-momento amici: debbo fare io una domanda al el geniale studioso di questa rigorosa ricerca scientifica…Perche s’incuriosiva con il suono dei coralli cuando cadevano?com’éra il suono ?forsse,non saltarellabba? se conteneva tra altre “ferro”era pi’u pesante?——
    —–un’altra domanda :sub–fossile,efetto del o dei vulcani?
    —–ma oggicome continua la storia della ricerca o la ricerca della storia?

    Gentile Giuseppe:spero non vi disturvi per codeste domande…io sono innamorata del mare ,dei misteri del mare,delle conchille,ma come si generano?quei colori ,non gli farrá mica il Dio Neptuno….o la sabbia arrotallerando come quando faciamo gli “gnochi? aaahhh mi dirá:tu si malata é fantasia?non si puó vivere senza di essa.caro amico corallista.

    ———-Mentre scrivo lamente vola ,nel mondo dei ricordi:appaiono gli orecchini di corallo,Il Cameo d’oro é corallo!!!…e russell’écuralle…comm´’erane belle il corallo era di un rosapallido con delle vette di bianco…. o cuernn’e´curalle…non si samai:vero?jajaPoi se la mente non si svaglia vi c’érano le pietre nere vesuviane,erano anche “coralli?”infine veri gioielli ,che nel solo vedergli parlabano E NAPULE….
    ………..La saluto con un carissimo arrivederci alla prossima pesseggiata.
    cordialmete
    Maria dalla’argentina

    • marisa betrò ha detto:

      Signora Maria, scusate se mi permetto, ma il vostro sogno di stare a Torre,tranquillamente parlando con gli amici, su una varchetella e ‘u mare facesse da connola mentre il sole tramonta e l’aria è quella inimitabile di Torre a primavera, è una cosa troppo bella e voi usate parole troppo belle. Come per le conchiglie, che voi pensate che il mare le fa arrotolando la sabbia come facciamo noi quando facciamo gli gnocchi(mia mamma li chiamava “strangulaprievete e voi?). Signora Maria, voi siete un poeta, un poeta del mare, un poeta della nostalgia. Un bacio. Marisa

      • maria ha detto:

        Marisa cara:prima di tutto nun’mericere signora,a’signore sta nnciele!!!
        Dunque :t’invito a salire sulla nostra barchettelle…fare la nostra passeggiatta mare,mare..costa costa…oggi tenimme pure ‘o vine l”chelle che c’é vó..c’é vo riccette a nuvant’anne a nonne —-dottó voi mi domandate “”—-bebulissibbe spuss’a??…siiii emmëe “”chelle che c’é vó….c’é v´ó—nun rirrere tu brutta figlia…a fenisce e ricere Mamma che stai dicendo!!!!
        …..sai come gli chiamavamo? cazzamarre…jaja aahh il nostro dialetto comm’é belle!!!parlamme e reerimme, beata napoli
        beata nostalgia….perché di nostalgia siamo fatti!!!!
        nostalgia….pesa,tanto quanto..la vita
        il caro prezzo che ci dono la guerra
        facile non fú l’approdo per lontane terre
        per la mano ci portava l’ignorazza
        la ricerca della terra promessa
        promessa?? siii…ma sempre forestiera
        ………sul cadere del sole …..
        ciao ragazzi alla prossima……
        Maria

  3. marisa betrò ha detto:

    Interessante ed avvincente questo tuo ultimo lavoro, caro Peppe, che, come i tuoi altri,sostanzia di rigore e serietà scientifica la tua grande passione per il corallo.Quale torrese, anche non propriamente addetto ai lavori come me, non è stato toccato, nel bene o nel male dalla vicenda di Sciacca? Da bambina avevo un “sacchetiello” pieno di braccialetti di corallo arancio sbrigativamente infilati su del fil di ferro, rimasuglio di un lontano export del bisnonno Balbi. Ci ho giocato per anni, chissà quanti ne ho persi o regalati alle compagnelle. Poi un’amica corallara me li ha trasformati in bracciali e collane…
    Complimenti a te ed ai tuoi collaboratori. Un abbraccio.

  4. Beppe ha detto:

    Cara Maria,accolgo volentieri il suo invito.siamo vicino al mare, con Nello e Salvatore, ed io vi parlo della mia ricerca.
    Il corallo – chi mi conosce lo sa – e’ stato ed e’ il grande amore della mia vita, dopo mia moglie ed i miei figli.
    Come scrivo nel libro, da bambinello io lo sollevavo e lo facevo ricadere. Il suono che fa, questo corallo, e’ uno strano suono, qualcosa tra il vitreo ed il metallico. In effetti, e lo trova scritto nell’articolo cortesemente pubblicato da vesuvioweb, questo corallo ha mutato la sua componente chimica: sotto l’azione di fenomeni di vulcanismo sottomarino, ripetutisi innumerevoli volte nel corso di 9.000/10.000 anni, questo corallo si e’ arricchito di ferro, rame, manganese ed uranio, componenti chimiche essenziali e tipiche delle eruzioni. Non basta: successive analisi sulla datazione hanno consentito di datare alcuni pezzi del corallo pescato a Sciacca tra i 2.000 ed i 9.000 anni. Abbiamo poi effettuato altre analisi, meno comprensibili per il grande pubblico, che hanno confermato questi dati.
    Maria, spero di avere risposto alle sue domande. Se ha il desiderio di farmi altre domande, non esiti: a me fa piacere rispondere alle sue così come alle domande di altri lettori.
    Non potrò farlo per altri, ma se mi fa avere, privatamente, il suo indirizzò, sarò lieto di inviarle una copia del libro con dedica. An caro saluto a lei e agli amici Argentini.
    Beppe

  5. Beppe ha detto:

    Grazie, Marisa.
    Chi meglio e più di te conosce il mio amore per il corallo? Quante volte, durante le pause dei nostri studi, della preparazione del famigerato esame di latino, all’università, ti ho confidato i miei sogni?
    Grazie, Marisa, per le belle parole.
    Non ho il tuo nuovo numero di telefono, altrimenti ti chiamerei per parlare un po’ con te…
    Lo faremo: tu hai la mia mail, oppure puoi chiederla a Nello…
    Un caro abbraccio
    Beppe

  6. maria ha detto:

    Caro gentilessimo Beppe:Mi piecerebbe avere una coppia del suo libro,non solo per mé,per il mio godimento,volontiere lo faró vedere alla mia famiglia ed agli amici paesani,……….
    —–Il nostro coordinatore Aniello lo invierá,alla tua posta.(gli chiesi la cortesia).
    —–Poi caricato in un “pendriver”fara di un cassetto di ricordi corallini….
    ——La ringrazio caramente,Beppe ,alla prossima ….

    abbraccio forte Maria

Aggiungi un commento