Discussione2 Comments

  1. maria ha detto:

    Augusto può essere considerato “l’Imperatore della pace”. Il suo fu un periodo aureo per la storia di Roma.

    Cesare aveva abbozzato. Solo un uomo di genio avrebbe potuto completare l’opera. E tale fu indubbiamente Augusto che certo non possiede lo splendore istantaneo del Condottiero, ma è sicuramente dotato dell’elevato spessore del grande uomo di governo. Ed a ben vedere, la prudente assennatezza, l’accorta vigilanza e l’agile flessibilità d’Ottaviano, sulla lunga distanza del tempo, furono più utili della baldanzosa bravura e dell’alta genialità di Cesare.

    Fu Imperatore per 44 anni e, prendendo in considerazione anche il periodo del consolato, fu Capo di Roma per circa 57 anni. Di tutti gli altri grandi, solo Ramses II e Francesco Giuseppe II d’Austria lo hanno superato per longevità d’esercizio del supremo potere.

    Fu un funzionario d’amplissime vedute che seppe creare un apparato politico di rara precisione, poggiante sopra solide fondamenta economiche.

    Non era un trascinatore di folle come Cesare, ma gli era certo superiore quanto ad intelligenza politica. Iniziò la sua carriera in mezzo al caos ed all’anarchia e dopo 57 anni, morendo, lasciò un Impero consolidato sotto ogni profilo.

    Con Augusto indubbiamente Roma raggiunge il culmine della sua storia politica, sociale e culturale. La vecchia costituzione repubblicana appare formalmente immutata mentre si è compiuta la più radicale e profonda delle trasformazioni. Comincia la nuova ed ultima fase della storia di Roma, quella dell’Impero. Ed il seguito di questa storia non sarà mai più così bello com’è stato, grazie ad Augusto, il suo inizio
    Maria

  2. Nessuno mette in dubbio la grandezza e la lungimiranza politica di Augusto.A venti anni ha dimostrato qualità politiche tali da spiazzare i seguaci del partito repubblicano-senatorio,in particolare Cicerone,stipulando il capolavoro del secondo triunvirato.Un realismo,un pragmatismo politico che lo portò a fare alleanze con le personalità più in vista del tempo per poi rovesciarle e scalare il lungo e tortuoso percorso fino ad imporsi,su tutti i competitor.La “Pax augusta” è un periodo di grande progresso,di riforme civili e sociali, di sintesi tra il Mos Maiorum e/o tradizione e la contemporaneità,ben esemplificata dallo spazio riservato alla cultura,all’arte,alla tecnica.Il mecenatismo è certamente il tratto distintivo della Roma del Principato augusteo,paragonabile all’Atene di Pericle,alla Firenze del Magnifico,alla Parigi del Re sole….Ma si farebbe torto alla verità storica se non venisse messo in evidenza anche il carattere autocratico del potere augusteo.L’autonomia del Senato era solo apparente,formale;l’opposizione veniva malamente tollerata o repressa con le maniere forti .Basterebbe ricordare i casi dei poeti Ovidio,costretto all’esilio in Romania con l’accusa di immoralità e del poeta e governatore dell’Egitto,Cornelio Gallo,vittima illustre del dispotismo del principe.Senza dimenticare la pesante sconfitta nella selva di Teotoburgo del 9 D.C,prima avvisaglia del pericolo dei popoli germanici.Augusto fu uno statista d’eccezione,un princeps illuminato:nei,contraddizioni, criticità lo rendono personaggio più vero, più complesso, e perciò più intrigante.Non ne riducono minimamente la statura e l’irripetibile grandezza.

Aggiungi un commento