Enrico Di Maio – L’eruzione del Vesuvio del 1794

Inserito da: · giugno 16, 2012

La città di Torre del Greco dal 1631 ad oggi è stata interessata da varie eruzioni. Una delle più rilevanti è stata quella del 1794 che ha attraversato tutta la città lasciando vari segni del suo passaggio nelle distruzioni di vari complessi monumentali. Il Monumento simbolo di questa eruzione è senz’altro il Campanile della Basilica Pontificia di S. Croce che in origine era di tre ordine e che allo stato attuale è di due visto che il primo elemento è totalmente inglobato nella colata lavica…

La colata lavica del 1794 è passata da poco e ha attraversato il centro della città di Torre del Greco. Restano in piedi il campanile cinquecentesco e pochi palazzi.

1 Enrico Di Maio – L’eruzione del Vesuvio del 1794 – vesuvioweb

2 Enrico Di Maio – L’eruzione del Vesuvio del 1794 – vesuvioweb

3 Enrico Di Maio – L’eruzione del Vesuvio del 1794 – vesuvioweb

4 Enrico Di Maio – L’eruzione del Vesuvio del 1794 – vesuvioweb

5 Enrico Di Maio – L’eruzione del Vesuvio del 1794 – vesuvioweb

06 Enrico Di Maio- L’eruzione del Vesuvio del 1794 a Torre del Greco-vesuvioweb 2011

07 Enrico Di Maio- L’eruzione del Vesuvio del 1794 a Torre del Greco-vesuvioweb 2011 .pub (Sola lettura

… Lo scopo della tesi è la ricostruzione del percorso della colata, il rapporto tra il suolo ed il sottosuolo; in particolare sono stati individuati i punti di affioramento della colata in gran parte nascosti dall’urbanizzazione più recente. Sono state esplorate numerose cavità tra note e meno note ed infine sono stati analizzati campioni di acqua della falda tenendo presente che fino al 1950 la falda era captata nei pressi del porto dalla struttura nota come “Cento Cannelle”. L’attività di ricerca si è svolta in tre fasi distinte. Onde evitare di commettere errori nell’interpretazione dei dati si è proceduti in prima fase alla raccolta di tutta la documentazione storica oggi reperibili che consta di documenti cartacei e di cartografia dell’epoca. Con molta attenzione si è analizzati la carta di Guglielmo Morghen datata 1798 che si riferisce proprio all’eruzione del 1794. In una seconda fase si è proceduti allo studio degli affioramenti da monte a valle mediante un intensa attività di campo ed all’esplorazione di numerose cavità sotterranee situate tutte nel centro storico della città. I dati raccolti hanno permesso di poter ricostruire la morfologia della città pre 1794 e di poter calcolare i volumi della colata. Ruolo importante in questa fase hanno assunto alcuni edifici…

Aggiungi un commento